GLO: procedure e normativa

A proposito di GLO e scuola, nonostante siano passati quasi due anni dalla pubblicazione del DM 182/20, ancora oggi, persistono diversi dubbi sulle procedure e modalità relative alla costituzione e alla convocazione dei GLO.

Proverò a fare chiarezza avendo come focus l’inclusione scolastica e la valorizzazione del PEI, andando oltre  le questioni normative, seppur chiarendole e precisandole.

Se desideri conoscere altre curiosità, articoli dedicati e materiali accedi alla pagina GLO.

Se vuoi conoscere la modalità di compilazione della sezione del PEI dedicata al GLO accedi alla pagina PEI IN ICF

Se vuoi consultare le FAQ dedicate al nuovo PEI accedi FAQ E NUOVO PEI

Da chi è composto il GLO?

Dall’art.3 c 1 del DI 182/20  “Il GLO è composto dal team dei docenti contitolari o dal consiglio di classe e presieduto dal dirigente scolastico o da un suo delegato. I docenti di sostegno, in quanto contitolari, fanno
parte del Consiglio di classe o del team dei docenti.”

Dall’art.3 c 2 del DI 188/20 “Partecipano al GLO i genitori dell’alunno con disabilità o chi ne esercita la responsabilità genitoriale, le figure professionali specifiche, interne ed esterne all’istituzione scolastica, che
interagiscono con la classe e con l’alunno con disabilità nonché, ai fini del necessario supporto, l’unità di valutazione multidisciplinare.

Modalità costituzione e convocazione GLO

Prima di tutto chiariamo le modalità di costituzione e di convocazione del GLO.

I l GLO viene costituito con apposito decreto da parte del DS come da DI 182/20 art. 3 c. 8

Il decreto deve essere nominale, ossia contenere sia i nominativi dei membri del GLO,  sia il riferimento all’alunno con disabilità.

In alcune scuole la prassi è di convocare tutti i membri del GLO in unico decreto o in alternativa di non costituirlo affatto. Seppur nel rispetto dell’Autonomia scolastica, tale modalità non sarebbe corretta da un punto di vista normativo e ancor di più, non lo sarebbe da un punto di vista concettuale ai fini dell’ inclusione scolastica.

A chi spetta essere membro del GLO?

Il DI 182/20 all’art. 3 e all’art.2 riporta una differenza sottile tra componenti e partecipanti.

Di fatto, tutti sono considerati membri del GLO acquisendo relativi diritti e doveri.

I membri del GLO vanno sempre convocati e indicati in tutti i documenti dove richiesto?

La questione non è di poco conto e per comprenderla a pieno bisogna contemplare l’aspetto normativo e ancor di più l’aspetto progettuale, inclusivo condiviso da tutti i membri del GLO.

Nel rispetto della normativa che prevede la costituzione del GLO e relativa  convocazione dei membri che ne fanno parte e riflettendo su quanto fino ad ora scritto, non possono essere ritenute, dal mio punto di vista, corrette le seguenti procedure:

  • Predisporre,  da parte del DS, un unico Decreto di costituzione del GLO collettivo, un ulteriore aggravante potrebbe essere data dall’inserimento e pubblicazione dei nominativi dei membri. Di fatto, le persone che vengono nominate devono attenersi al rispetto della privacy e dovrebbero conoscere solo i nomi dei componenti GLO di cui fanno parte. Quindi, il decreto con la costituzione del GLO deve contenere in nominativi di tutti i membri e deve essere inviato solo ai diretti interessati.
  • Un grave errore, inoltre, sarebbe di omettere i nominativi dei membri del GLO nella sezione del PEI dedicata. Questo punto, oltre a non considerare l’aspetto normativo, tralascia un aspetto ancor più importante, ossia la vera essenza e missione del GLO. I membri devono condividere i contenuti del progetto dedicato all’alunno con disabilità anche se, ad esempio, non saranno presenti durante l’incontro.

Come procedere per la convocazione del GLO & firma PEI per i membri assenti?

Indipendentemente dalla partecipazione al GLO la convocazione dovrebbe essere inoltrata agli interessati  con un congruo preavviso che solitamente viene quantificato in 5 giorni.

Qualora i membri del GLO risultassero assenti al primo incontro per la definizione del PEI, avrebbero comunque diritto di firma, ma non l’obbligo. Inoltre, si precisa che anche i membri presenti potrebbero decidere di non firmare il documento, di fatto , nessuno può essere obbligato a farlo se non d’accordo con quanto riportato nel PEI.

Come riportato dalle Linee Guida, a pag. 12 “La firma di tutti i membri del GLO è prevista sul PEI redatto in via definitiva entro il mese di ottobre e, alla fine dell’anno scolastico, nell’incontro di verifica.” La firma non è indispensabile per la validità del PEI proprio perchè nessuno può essere obbligato.

Detto questo, l’accesso al documento, la firma al PEI dovrebbe coinvolgere necessariamente anche i membri del GLO assenti durante l’incontro con possibilità di inserire la firma in un momento successivo.

Come condividere il PEI?

Rispetto invece alla condivisione del documento con i membri del GLO, nel rispetto della privacy non è possibile farlo via e-mail come allegato, si potrebbe però condividere una bozza omettendo i dati sensibili. Con la pubblicazione del nuovo decreto previsto per il mese di maggio, probabilmente dovrebbero  giungere, almeno si spera, chiarimenti riguardo la condivisione del documento su portale SIDI e ulteriori precisazioni riguardo la firma al PEI e piccoli ritocchi al PEI stesso.

Concludendo...

Volendo avere una mentalità innovativa e realmente propensa al cambiamento non possiamo limitare questioni così importanti al solo aspetto normativo.

Bisogna pensare al focus del perchè si condivide il PEI con i membri del GLO e dell’importanza di questo passaggio che deve essere garantito, sempre. E’ dall’unione di tutti, dalla rete che decide di percorrere percorsi condivisi che è possibile garantire ai nostri alunni il successo scolastico e lo stare bene a scuola.

Bisognerebbe prendere le distanze da chi si interessa al puro aspetto “burocratico” dell’inclusione tralasciando aspetti più  interessanti e di sostanza. Il GLO è un gruppo che deve essere valorizzato e che bisogna tenere in vita anche se ciò richiede uno sforzo nella stesura dei decreti, un impegno per le convocazioni del gruppo e un rincorrere persone per la firma al documento.

Buon lavoro, Antonella

Se sei alla ricerca di materiali didattici gratuiti ACCEDI alle

Se sei alla ricerca di  strumenti compensativi  ACCEDI

Per rimanere sempre aggiornato iscriviti alla Newsletter

    Ti è piaciuto l'articolo?

    Condividilo!

    Clicca Mi piace!

    Salva su Pinterest

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    WhatsApp chat